Around English: 5 Faq di chi studia inglese


Around English, Blog / lunedì, 6 Gennaio, 2020

Come mostra questo articolo, “the cat is on the table” non è una vecchia battuta, ma una realtà italiana. Perlomeno c’è ancora chi tenta di imparare l’inglese (e altre lingue), ma con alcuni dubbi. Ecco le domande che spesso si fa chi studia l’inglese e a cui Around Language ha provato a dare una risposta.

#1 Studio tanto ma non ho risultati, le ho provate tutte: scuola, corsi, libri. Devo cominciare a pensare che non sono portato?

No. Ci sono molti studi a riguardo che hanno confermato che, potenzialmente, tutti possono imparare una lingua. Certo cominciare da piccoli aiuta, perché i bambini tendono ad essere più “spugne” e quindi ad assorbire ciò che sentono più facilmente, ad ogni modo si tratta solo di trovare il metodo giusto: ripassare le regole più volte, fare molto esercizio, leggere recensioni sui corsi prima di iscriversi, etc. Alcuni hanno più predisposizione di altri, ma l’inglese è per tutti.

#2 C’è chi dice che l’inglese si può imparare senza studiare. Ci devo credere?

No. Un grande e gigantesco no. Come detto nella domanda precedente, da bambini abbiamo tutti imparato la propria lingua madre ascoltandola, ma questo non ha reso superflue le scuole elementari. Le cose sono due: o vuoi imparare una lingua o non la vuoi imparare. Ci possono essere periodi in cui manca il tempo per dedicarsi ai propri interessi o mancano i soldi da investire in una buona preparazione, sono ragioni comprensibili, ma se si dispone di entrambi e si cerca una scorciatoia, i risultati non arriveranno. Ci sono modi diversi per migliorare l’inglese, come guardare film e ascoltare musica: sono strumenti divertenti, indubbiamente utili e anzi è importante che accompagnino l’apprendimento linguistico, ma non possono sostituire lo studio delle basi. Non va bene fermarsi solo alla grammatica, ma neanche ignorarla completamente.

#3 Qualcuno dice che si può imparare l’inglese entro un tot di tempo, è vero?

No. Il percorso di apprendimento, per qualsiasi lingua, è soggettivo. Si può seguire un corso la cui durata è di un tot di tempo, perché è impostato per insegnare una serie di argomenti rispettando una certa organizzazione delle lezioni e così va bene. I corsi che, invece, illudono di raggiungere dei livelli alti in un tempo limitato sono da prendere con le pinze: se ti promettono di diventare sicuramente bilingue in 4 settimane, fai attenzione.

#4 Se voglio studiare l’inglese, devo prendere lezioni da un madrelingua?

Non necessariamente. Tanti si lasciano trarre in inganno da lezioni poco soddisfacenti perché tenute da un madrelingua, ma non è garanzia di qualità. Insegnare non è facile, perciò essere madrelingua non è l’unico requisito per saperlo fare bene: anche tu sei madrelingua italiano, saresti in grado di insegnarlo a uno straniero? Non è solo una questione di sapere gli argomenti, ma anche di avere la capacità di spiergarli in modo chiaro. Se invece si tratta di fare un po’ di conversazione allora puoi chiacchierare con qualche anglofono. Inoltre, un buon apprendimento è dato anche dal buon funzionamento del metodo adottato e questo non è legato alla nazionalità dell’insegnante.

#5 E se, durante una conversazione, non capisco o non riesco a parlare?

Molti, per timore di non riuscire a capire e parlare, non cominciano neanche, ma diventa un circolo vizioso. Impara qualche frase per rompere il ghiaccio, se hai difficoltà a comprendere puoi dire Can you repeat, please? e prendere qualche lezione su italki.com dove puoi trovare insegnanti con cui chiacchierare in inglese ma che conoscono anche la tua lingua, così possono aiutarti se sei in difficoltà.

Ci sono degli elementi di base che sono fondamentali per lo studio di una lingua: cominciare dalla grammatica, allenarsi e provare ad usare la lingua, leggendo una notizia, guardando un telefilm, conversando con qualcuno. E tu, quali dubbi hai che ti bloccano dall’imparare l’inglese? Condividili nei commenti!

RSS
Facebook
Twitter
Pinterest
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *